Associazione Nazionale Medici di Medicina Fiscale

QS| Anche Tar Lazio accoglie ricorso dei medici fiscali contro esclusione dalle trattative di alcune sigle

Il Tar del Lazio, dopo il Giudice del Lavoro del Tribunale di Roma, ha accolto il ricorso ravvisando nella stipula delle convenzioni tra l’Inps e le organizzazioni sindacali dei medici di medicina generale, “un mero errore” materiale posto che contrasta con il chiaro contenuto dello stesso decreto ministeriale che fa riferimento alle categorie maggiormente rappresentative dei medici fiscali

Sono ormai molteplici le ragioni per cui i medici fiscali possono dichiararsi soddisfatti. Pochi giorni fa anche il TAR del Lazio, dopo il Giudice del Lavoro del Tribunale di Roma, ha accolto il ricorso, nei limiti di cui in motivazione, avente per oggetto il titolo del decreto ministeriale, ritendo la stipula delle convenzioni tra l’INPS e le organizzazioni sindacali dei medici di medicina generale, approvato con Decreto (2 agosto 2017) dal Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, pubblicato in G.U. n. 229 del 30.09.2017, un mero errore materiale posto che contrasta con il chiaro contenuto dello stesso decreto ministeriale che fa riferimento alle categorie maggiormente rappresentative dei medici fiscali. Per questo alcune organizzazioni sindacali, tra cui ANMEFI, fecero ricorso al Presidente della Repubblica per rimediare al lapalissiano “errore”, che poi si scoprì essere stato assecondato pur di lasciar decidere ad altri e non agli “addetti ai lavori”. Vale ricordare che gli atti impugnati sono peculiari per ciascun sindacato ricorrente e che la scrivente fu avversa al titolo del decreto e agli atti conseguenti dell’Inps.

L’INPS, che si atteneva acriticamente a quel titolo, aveva dunque perpetuato la trattativa con altri sindacati che avevano ed hanno pochi o nessun medico fiscale tra gli iscritti, addirittura escludendo ANMEFI e SINMEVICO, sindacati esclusivi della categoria.

Dopo lo storico Decreto del Giudice del Lavoro del 7 giugno 2018, che dava pienamente titolo ad ANMEFI a rappresentare la categoria, in quanto la più rappresentativa dei liberi professionisti, ecco che giunge la sentenza del TAR del 15 ottobre u.s. contro il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, il Ministero della Salute, la Presidenza del Consiglio dei Ministri- Dipartimento per Semplificazione e Pubblica Amministrazione, il Ministero per la Semplificazione e La Pubblica Amministrazione , nonché l’Inps, che accoglie il ricorso e annulla gli atti impugnati nei limiti della motivazione di cui in sentenza, che circoscrive e declina le discrepanze tra contenuto dell’Atto di indirizzo e titolo del Decreto.

Il TAR riprende, tra le motivazioni, “l’ordinanza del 7.6.2018 mediante la quale il tribunale di Roma, sez. Lavoro, ha qualificato come antisindacale la condotta dell’Inps che non ha convocato il sindacato in questione (ANMEFI, ndr) per le stipulazione delle convenzioni di cui all’art. 55 septies”, in considerazione che “La convenzione in oggetto riguarda il rapporto tra medici fiscali e Inps”, con “la conseguenza che la categoria rilevante è quella dei medici fiscali”, fermo restando che “il rapporto di lavoro tra medico fiscale e Inps si atteggi come un rapporto libero professionale ben diverso dal rapporto esistente tra i medici della medicina generale”…

Continua a leggere qui:

http://www.quotidianosanita.it/lavoro-e-professioni/articolo.php?articolo_id=66969

Qui la sentenza del TAR di Roma:

TAR 15 ottobre 2018

Condividi questo post

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiudi il menu