Associazione Nazionale Medici di Medicina Fiscale

Ore decisive per la medicina fiscale

Sono ore decisive per la medicina fiscale. L’emendamento cosiddetto “killer” 1.1481, nella sua prima e seconda versione, è stato dichiarato inammissibile dalle varie commissioni di Camera e Senato, ma, ritirato, risulta essere stato riproposto a nome della Sen. Elisa Pirro del M5S. Registriamo ancora in queste ore la vicinanza della Sen. Catalfo, Presidente della Commissione Lavoro del Senato,  che già ci ha ricevuti nei giorni scorsi, che sta cercando di ritirare l’emendamento 1.1481.

In queste ore continuiamo a mantenere vivi i contatti con le forze politiche che si accingono a votare per la legge di Bilancio del 2019, senza perdere tenacia e speranza. Totale è il nostro schierarsi in difesa della medicina di controllo, dei medici fiscali di lista ad esaurimento e delle risorse economiche destinate alla medicina fiscale, così come recita ogni norma di legge sul Polo Unico.

Ribadiamo ancora una volta la nostra specificità e prerogativa di rappresentare gli interessi dei medici fiscali, professionisti impegnati in nome dello Stato in un servizio di assoluta delicatezza  negli ultimi trenta anni, in condizione di precarietà, senza tutela alcuna e rispettosi di tutte le incompatibilità che nel tempo sono state imposte.

ANMEFI chiede con forza di consentire la discussione di un contratto per la categoria con le risorse che risultano già stanziate per la medicina fiscale , ma che qualcuno ritiene possano servire ad altro.

Condividi questo post

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiudi il menu