Associazione Nazionale Medici di Medicina Fiscale

Lettera di un medico fiscale al direttore di Sanità Informazione

di Maria Parisi

Gentilissimo direttore,

sono uno dei circa mille medici fiscali presenti nel territorio ed iscritti nelle liste speciali dell’INPS.

Mi rivolgo a Lei per segnalare l’incredibile ed ormai insostenibile condizione che la mia categoria sta vivendo dal 10 marzo, giorno in cui l’INPS con il messaggio Hermes 1061 ha formalizzato la sospensione delle visite mediche di controllo domiciliare, privandoci di fatto del nostro lavoro.

Incredibile perché la deontologia medica ci impone un comportamento consono al decoro e alla dignità della nostra professione, dovere etico al quale non  abbiamo potuto ottemperare proprio nel momento in cui si rendeva necessario per l’importante crisi sanitaria che ha attanagliato il nostro Paese. Siamo stati infatti costretti alla reclusione domiciliare e all’inoperosità, situazioni mortificanti  la nostra dignità umana e professionale.

Insostenibile in quanto il nostro reddito si è azzerato completamente.

Siamo libero professionisti con contratto tacitamente rinnovabile ogni anno e…

Continua a leggere qui:

 

Condividi questo post

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiudi il menu